Previous
Next
>> RadiologiaInterventistica.IT - Portale Ideato e Diretto dal Dott. Germano Scevola <<

PTA e Stenting della Carotide

Procedura: PTA e Stent Della Carotide.   
##

Stenosi preostruttiva della carotide interna sin

Dopo posizionamento dello stent carotideo

 

 

Regime: Ricovero ordinario (minimo 36 – 48 ore)
Indicazioni: stenosi  carotidee  
Documentazione richiesta:
a) emocromo, azotemia, creatininemia, protidogramma, PTT.
b) ECG – nulla osta cardiologico. 
c) Ecocolor doppler, Angio TC  dei tronchi sovraortici
d) Valutazione clinico-anamnestica, firmata dal Medico curante, atta a classificare il rischio del paziente
e) consenso firmato dal paziente, adeguatamente informato

Sala operativa: angiografica 
Preparazione paziente: Digiuno da 12 ore. Depilazione nella sede di accesso. Anestesia: locale. 
Modalità di esecuzione: sotto controllo radioscopico, previa introduzione percutanea di un catetere in una arteria, iniezione endoarteriosa di mezzo di contrasto iodato atta a visualizzare radiograficamente la lesione. Successivo impianto, mediante la stessa o altra via endovascolare, di una endoprotesi metallica (stent), atta a rimodellare il calibro vasale.   A termine della procedura bendaggio compressivo per almeno 6 ore della ferita angiografica, in clinostatismo e sotto controllo medico.
Necessità di sottoporsi, in seguito e a tempo indeterminato, a terapia anti coagulante.
Rischi e complicanze generici: rischi generici derivanti dall’assunzione di mezzo di contrasto iodato “non ionico” (VEDI ARTERIOGRAFIA). Rischi generici e complicanze, anche fatali, derivanti dal trattamento interventistico: dolore locale momentaneo, sensazione di calore anche intenso ma fugace, ematomi locali e, come evenienza rara, rotture ed ostruzioni vasali, embolie con possibili lesioni ischemiche centrali o periferiche, a seconda del distretto vascolare trattato. E’ inoltre possibile l’insuccesso del trattamento interventistico stesso.
Rischi e complicanze specifici: quelli derivanti dalle condizioni generali proprie del paziente ( ad es. cardiopatie, insufficienza respiratoria, ecc.)
Procedure alternative: interventi chirurgici tradizionali
Per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.