Previous
Next
>> RadiologiaInterventistica.IT - Portale Ideato e Diretto dal Dott. Germano Scevola <<

Nefrostomia Percutanea

Procedura: Nefrostomia Percutanea




Regime: ricovero ordinario

Indicazioni: ostruzioni basse delle vie urinarie non trattabili endoscopicamente

Documentazione richiesta:
a) emocromo, azotemia, creatininemia, protidogramma, PTT.
b) ECG- Ecografia - TAC
c) Valutazione clinico-anamnestica, firmata dal Medico curante, atta a classificare il rischio del paziente
d) consenso firmato dal paziente, adeguatamente informato

Sala operativa: angiografica

Preparazione paziente: Digiuno da 6 ore.

Anestesia: locale

Modalità di esecuzione: sotto controllo radiografico o ecografico, puntura percutanea di un calice renale con successivo posizionamento di un catetere atto a drenare esternamente l’urina. Il paziente dovrà portare il catetere di drenaggio, collegato ad una sacca di raccolta, per un periodo imprecisato, in attesa del ripristino a valle della via urinaria, che potrebbe essere attuato anche attraverso la stessa via nefrostomica.

Rischi e complicanze generici: quelli derivanti dall’assunzione di mezzo di contrasto iodato “non ionico” (vedi ARTERIOGRAFIA). Quelli derivanti dal trattamento interventistico: dolore locale anche inteso, ma di breve durata, ematomi locali ed infezioni di varia entità e, in casi eccezionalmente rari, fratture renali.

Rischi e complicanze specifici: quelli derivanti dalle condizioni generali proprie del paziente ( ad es. cardiopatie, insufficienza respiratoria, ecc.)

Procedure alternative: endoscopiche e chirurgiche, se attuabili.

Per ulteriori informazioni:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.